MODENA
venerdì 30 maggio 2003, S. Felice I papa
   
Navigare in internet ma con grande attenzione
I pericoli? Le suonerie
«cartoline» e siti porno

vi.bra.



Suonerie per cellulari scaricabili dalla rete. Siti porno. Cartoline scaricabili da siti che si sconnettono appena li apri (al costo di 5 euro a botta, poiché oltre alle connessioni a tempo ci sono le connessioni a costo fisso) e tu continui a connetterti nella speranza di leggere la cartolina con i saluti molto cari che ti ha inviato un amico inconsapevole.
E ancora: soluzioni per quiz e per giochi elettronici, karaoke e diavolerie che attirano un pubblico sempre maggiore.
E ora anche i temi di italiano, di matematica e di altre materie degli esami di Stato. I webmasters esperti nell'installazione dei cosiddetti dialers (piccoli programmiche connettono il nostro computer al numero che vogliono loro) sui siti di loro costruzione ne pensano una al giorno e sono sempre sull'attualità. Costoro (la Guardia di Finanza ipotizza un guadagno di 100 mila euro mensili, ma ribadiamo che non si tratta sempre di arttività illecite) sanno che bisogna stare col fiato sul collo degli utenti, che si muovono in massa in rete a seconda delle mode. Un mese fa erano i siti che si occupavano della guerra all'Irak a essere bersagliati dalle malefiche icone. Ora sono i siti che dicono di aiutare gli studenti per gli imminenti esami. Sullo sfondo le sempreverdi suonerie per cellulari, i cui bannner appaiono un po' dovunque. Clicchi e se ti è andata bene lo scopri dalla bolletta, ma è meglio controllare spesso l'"accesso remoto" per verificare a quale numero si è connessi. Nel caso si scoprisse che il pc è connesso a un 709 non voluto si potrebbbe fare una querela contro il titolare del numero, che il Ministero conosce bene: la semplice denuncia potrebbe rivelarsi inefficace. Molti uffici della Polizia Postale avvertono che con la querela si rischia una denuncia per calunnia ma il proprio legale sa come muoversi per evitare grane. Ribadiamo che la Telecom non va considerata artefice di un meccanismo che la vede semmai coinvolta in quanto esattrice di somme da girare a terzi e che si può benissimo sentire vittima a sua volta di questa situazione, tutte quelle volte che qualcosa di truffaldino (non è detto che ci sia una truffa) si dovesse perpetrare a danno dei suoi utenti, e contro cui potrebbe fare molto di più.
Di certo, minacciando il taglio della linea anche a chi ha regolarmente pagato il pubblico servizio oggetto del contratto, Telecom rischia di garantire un incasso sicuro a webmasters poco onesti.
E' curioso scoprire che al sito www187.it, che allude al numero della Telecom dedicato alle informazioni sulle bollette, e che si attiva tutte quelle volte che ci dovessimo dimenticare di scrivere il punto dopo le tre"w", ci hanno preparato un bella festa. Ma attenzione, prima di accedere a questo sito, preparatevi a battagliare contro temibili finestre con programmi con estensione".exe" i quali, se non state attenti e superveloci, vi connetteranno a servizi molto costosi.


   
 

   
Ritorna alla Home Page