L’incredibile storia di una docente di lingue

Una precaria con 29 classi

Sette terze, cinque quinte, molta rabbia



 

 

Di Vincenzo Brancatisano

 

1 OTTOBRE 2007 – Quasi quasi le danno tutta la scuola. Un’insegnante precaria di lingue, assunta con 17 ore settimanali, s’è vista assegnare ben ventinove classi. Eccole: 1 B-1C-1F-1M-2A-2B-2E-2F-2H-2G-2M-3A-3B-3D-3E-3F-3H-3M-4B-4E-4F-4G-4H-4M-5B-5E-5G-5H-5M. Nelle prossime ore, appena riusciremo a ottenere un’intervista con il dirigente scolastico dell’istituto professionale dove insegna la docente, pubblicheremo la storia che ha dell’incredibile. Abbiamo incontrato l’insegnante perché non ci credevamo. Non solo non riesce a fare lezione, ma pensa già ai cinquantotto scrutini, alle sette terze impegnate agli esami di qualifica e ai cinque documenti del 15 maggio. E pensare che non ha neppure l’orario completo.  Ah…è molto incazzata.

 

 

Altre notizie

Old news

Scrivi al sito

 

Su www.vincenzobrancatisano.it