Ennesima pubblicazione scientifica sulla contestata multiterapia anticancro

Rivista americana sull’efficacia della Cura Di Bella

Nel giorno dedicato alla ricerca contro i tumori, AJT pubblica un caso eclatante



 

 

Di Vincenzo Brancatisano

 

26 NOVEMBRE 2006 – Un paziente affetto da Linfoma Non Hodgkin, in recidiva dopo un trapianto autologo di cellule, ottiene una remissione completa ed è libero da malattia da due anni dopo essersi sottoposto alla Multiterapia Di Bella. Il paziente è stato curato da Mauro Todisco, medico che pratica la contestata terapia e autore di varie pubblicazioni su riviste scientifiche. Todisco ha descritto il successo ottenuto con il paziente sull’ultimo numero della rivista scientifica americana American Journal of Therapeutics  (cliccare “Di Bella” nell’apposito campo) uscito oggi. E’ significativo registrare come nella giornata dedicata alla lotta contro il cancro, mentre si raccolgono miliardi nelle trasmissioni televisive, la notizia più concreta di un possibile passo avanti della ricerca sia legata ancora una volta alla bistrattata terapia a base di somatostatina, melatonina, retinoidi e ACTH, oltre che su un minidosaggio di ciclofosfamide, messa a punto dal professor Luigi Di Bella, morto il 1 luglio 2003. “La prognosi per questi malati dopo il trapianto è molto scadente con un’alta percentuale di mortalità”, spiega Todisco, che ha accettato di commentare la pubblicazione e che ha ricordato come il paziente, quando si affidò, due anni orsono, alle sue cure, fosse “in condizioni disperate”. Todisco ribadisce di avere agito in applicazione del razionale scientifico che fu alla base di un’altra pubblicazione del 2001 riguardante una ventina di pazienti affetti sempre da LnH. In quella occasione, 8 pazienti erano affetti da Linfoma LnH “a basso grado recidivati dopo chemioterapia singola o di combinazione” eseguita sei o più mesi prima. “Questo risultato e l'elevata tossicità(*) dei regimi chemioterapici cosiddetti di salvataggio – spiega oggi Todisco –  mi hanno fatto optare, nel caso di specie, per la Multiterapia Di Bella”. La presenza del minidosaggio di chemioterapico (ciclofosfamide) nel metodo Di Bella contro i tumori del sangue (che rispondono spesso bene alla chemio) spinge i suoi detrattori ad attribuire i risultati alla chemio e non all’associazione di farmaci nel loro insieme come sosteneva invece l’anziano fisiologo che sottolineava l’importanza della multifattorialità della propria “tetralogia anticancro”. Peraltro, quasi sempre i pazienti che si rivolgono alla cura Di Bella sono stati già dichiarati "refrattari" o "resistenti" alla chemioterapia oppure non più sottoponibili a ulteriori cicli a causa dei suoi pesanti effetti collaterali. Nella sperimentazione della cura erano emersi interessanti risultati nei linfomi, come sa chi ha letto "Un po' di verità sulla terapia Di Bella", ritenuti però non sufficienti dal ministero della Sanità, secondo il quale la cura ha un'efficacia pari a zero. La terapia Di Bella è dunque una terapia sperimentale e i pazienti che vi si sottopongono devono esserne messi al corrente.

 

 

FONTI

 

Am J Ther. 2006 Nov-Dec;13(6):556-7.  Links

Relapse of High-Grade Non-Hodgkin's Lymphoma After Autologous Stem Cell Transplantation: A Case Successfully Treated With Cyclophosphamide Plus Somatostatin, Bromocriptine, Melatonin, Retinoids, and ACTH.

 

Todisco M., ASL 11, Local Health Department of National Health Service, Fermo, Italy.

 

Patients with relapse of high-grade non-Hodgkin lymphoma (NHL) after autologous stem cell transplantation (auto-SCT) generally have a poor prognosis. Only a minority of these patients can be cured by a second myeloablative chemotherapy, and conventional salvage treatments are often associated with severe toxicities. With a combination of cyclophosphamide, somatostatin, bromocriptine, retinoids, melatonin, and ACTH, we already reported 100% global response in 8 patients with relapse of low-grade NHL after single or combined chemotherapy and a therapy-free period of >/=6 months. This provided the rationale to evaluate the same pharmacological association in a patient with relapse of high-grade NHL after auto-SCT performed 2 years before. The patient was treated for at least 2 months. At the end of this period, if he had stable or responding disease, he received additional 3 months of treatment, and if he was stable or responding after 5 month, he was treated for 3 months and more. After 2 months, patient had a partial response, and after 5 months, he achieved a complete response. Today, 14 months after beginning treatment, patient is in complete remission. Treatment had very good tolerance, and patient carried on at home doing his normal activities. Our result and severe toxicities associated with conventional salvage treatments suggest in a relapse of high-grade NHL after auto-SCT, further clinical trials using the pharmacological association we employed in this case.

 

PMID: 17122540 [PubMed - in process]

 

 

 

(*) La tossicità e la tollerabilità dei trattamenti di salvataggio

 

Outcome and toxicity of salvage treatment on patients relapsing after autologous hematopoietic stem cell transplantation--experience from a single center.

 

Hematology. 2003 Jun;8(3):145-50.Click here to read  Links   

 

        * Buchler T,

        * Hermosilla M,

        * Ferra C,

        * Encuentra M,

        * Gallardo D,

        * Berlanga J,

        * Sarra J,

        * Granena A.

 

    Department of Clinical Hematology, "Institut Catala d'Oncologia", Barcelona, Spain. tbuchler@fnbrno.cz

 

    Patients with hematological malignancies who relapse after autologous stem cell transplantation (auto-SCT) generally have poor prognosis. Salvage treatment is often associated with severe toxicities. The aim of our study was to evaluate retrospectively the toxicity and outcome of rescue therapy in patients with acute leukemias, non-Hodgkin's lymphoma (NHL), Hodgkin's disease (HD) and multiple myeloma (MM) relapsing after auto-SCT. Fifty-four of the 62 patients who relapsed received some form of salvage chemotherapy. Six (10%) patients were treated by second stem cell transplantation, which was allogeneic in 5 cases. Toxicity of the salvage therapy was significant. As a result of adverse effects, salvage therapy had to be discontinued or reduced in 14 patients (26%). The outcome of salvage was evaluated after 90 days. Of the treated patients, 14 (26%) entered into complete remission with another 5 (9%) reaching partial response. The disease was stabilized in 5 patients (9%) but 30 (56%) patients were in progression or dead. Overall survival of the patients was poor with the median survival of 8.7 months after relapse and the leading cause of death being progressive disease. In conclusion, the development of new, more efficient regimens is critical if disease-free survival is to be increased in patients who relapse after auto SCT.

 

 

 

L’approfondimento

 

Rivista americana su tumore al polmone curato con Multiterapia Di Bella

 

Leggi la storia di Filippo

 

Leggi la storia di Alfio e di Lorenza

 

Leggi l’intervista al radiologo

 

Libertà di parola, questa sconosciuta

 

Riconoscimenti post mortem 

Corsi serali allo sbaraglio

 

Google

TORNA SU

 

Altre notizie

Old news

Scrivi al sito

 

Su www.vincenzobrancatisano.it