La Finanziaria istituisce la nuova istruzione degli adulti

Scuola statale, spariranno i corsi serali

Preoccupazione per la perdita di centinaia di cattedre



Foto www.torrelenocelle.com

 

Di Vincenzo Brancatisano

 

11 OTTOBRE 2006 –  Spariranno i corsi serali delle scuole che saranno accorpati ai nuovi Centri provinciali per l'istruzione degli adulti. Ad essi è attribuita autonomia amministrativa, organizzativa e didattica, con il riconoscimento di un proprio organico distinto da quello degli ordinari percorsi scolastici, da determinarsi in sede di contrattazione collettiva nazionale, nei limiti del numero delle autonomie scolastiche istituite in ciascuna regione e delle attuali disponibilità complessive di organico. L’iniziativa è lodevole ma causerà un’ulteriore, drammatica perdita di classi e di cattedre a disposizione degli insegnanti statali, di ruolo (presenti e futuri) e di insegnanti precari, con effetto a cascata. A favore di chi?

 

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Disegno di legge Finanziaria 2007

 

Art. 69, comma 9

Ferme restando le competenze delle Regioni e

degli Enti locali in materia, in relazione agli obiettivi

fissati dall’Unione Europea, allo scopo di far

conseguire più elevati livelli di istruzione alla

popolazione adulta, anche immigrata con particolare

riferimento alla conoscenza della lingua italiana, i

centri territoriali permanenti per l’educazione degli

adulti e i corsi serali, funzionanti presso le istituzioni

scolastiche di ogni ordine e grado, sono riorganizzati

su base provinciale e articolati in reti territoriali e

ridenominati “Centri provinciali per l’istruzione degli

adulti”. Ad essi è attribuita autonomia amministrativa,

organizzativa e didattica, con il riconoscimento di un

proprio organico distinto da quello degli ordinari

percorsi scolastici, da determinarsi in sede di

contrattazione collettiva nazionale, nei limiti del

numero delle autonomie scolastiche istituite in

ciascuna regione e delle attuali disponibilità

complessive di organico. Alla riorganizzazione di cui

al comma 1, si provvede con decreto del Ministro

della pubblica istruzione, sentita la Conferenza

Unificata a norma del decreto legislativo 28 agosto

1997, n. 281.

 

Corsi serali allo sbaraglio

Corsi serali in subbuglio

 

 

Di Vincenzo Brancatisano

 

14 NOVEMBRE 2007 – Brutte notizie dal fronte educazione degli adulti. Il governo, in linea con la Legge finanziaria del 2007, e confermando le preoccupazioni che avevamo sollevato sul nostro sito vincenzobrancatisano.it,  mette a punto una normativa che abbatte drammaticamente l’organico dei corsi serali statali, riducendo a pochissime le discipline che saranno insegnate nei corsi serali, accorpati con i centri per l’alfabetizzazione degli stranieri. Tra le altre novità, il progetto attribuisce al dirigente scolastico il potere di scegliere le classi di concorso attivate preso i nuovi centri provinciali di educazione per gli adulti. Seguirà un articolo più dettagliato.

 

Google

TORNA SU

 

Altre notizie

Old news

Scrivi al sito

 

Su www.vincenzobrancatisano.it