Mentre i precari dello Stato vengono cacciati in massa dalle scuole

Scatti ai prof di Religione, è provocazione

Un documento di Tremonti rivela l’ennesimo regalo alla Chiesa



 

 

Di Vincenzo Brancatisano

 

16 GENNAIO 2010 - Bisognava prendersela con i Ladroni e invece molti si sono accaniti contro il Crocifisso. E mentre si perde tempo in chiacchiere con riforme istituzionali incomprensibili cui i cittadini non sono interessati in questo momento c’è chi riesce pure a fare affari in questo momento di crisi finanziaria. Mentre lo Stato fa presente ai sedicenti rappresentanti dei lavoratori della scuola che è disponibile a concedere venti euro al mese di aumento in occasione del rinnovo del contratto collettivo, e mentre i precari dello Stato piangono in attesa di licenziamento, arriva la manna per i precari di Religione, come si evince dal documento pubblicato in fondo a questa pagina. Nel frattempo, come se non bastasse, il Miur contesta i precari che chiedono per via giudiziaria il riconoscimento degli scatti di anzianità, nonostante la sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità Europee e quella di alcuni Tribunali italiani che hanno già consentito a molti di ottenere la progressione di carriera. «Il rapporto che si instaura tra il docente supplente e l’amministrazione scolastica – scrive il Miur – ha caratteristiche del tutto peculiari, caratterizzato dalla necessità di garantire , attraverso la continuità didattica  la costante erogazione del servizio scolastico ed educativo». E ancora: «Il  rapporto di lavoro del personale scolastico supplente è regolamentato da distinti contratti di lavoro,  che possono riferirsi anche a supplenze annuali o fino al termine delle lezioni, che, se anche conferite allo stesso docente nell’immediato anno scolastico successivo, non traggono origine dalla precedente nomina e non costituiscono una prosecuzione senza soluzione di continuità del rapporto di lavoro, ma traggono origine da diversi provvedimenti, determinati da distinte procedure di nomina discendenti da apposite graduatorie di aspiranti. E’ da ritenere quindi che le caratteristiche particolari del rapporto di lavoro del supplente con l’amministrazione scolastica giustificano la mancata previsione di una progressione di stipendio legata alla prestazione del servizio, caratterizzata dalla precarietà e discontinuità della prestazione stessa». Con le scuole che lasciano incustoditi i minorenni per mancanza di docenti sostituti nelle assenze dei colleghi e con i presidi che stanno ordinando di lavare i bagni un giorno sì e uno no per risparmiare, Tremonti concede ai docenti precari di Religione gli scatti negati ai precari della scuola voluta dalla Costituzione.  Altro che Crocifisso.  Dove sono i sindacati?

 

 

Inizia la resistenza

A Febbraio 2010 in libreria con

 

«Una vita da supplente»

Lo sfruttamento del lavoro precario

nella scuola pubblica italiana

 

Di Vincenzo Brancatisano

Edizioni Nuovi Mondi Media

 

Il libro atteso dai precari della scuola

 

Clicca qui per l’anteprima (copertina provvisoria)

 

 

 

 

Ecco il documento del Ministero dell’Economia:

 

 

Ministero dell’Economia e delle Finanze

DIPARTIMENTO DELL’AMMINISTRAZIONE GENERALE, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI

DIREZIONE CENTRALE DEI SISTEMI INFORMATIVI E DELL’INNOVAZIONE

 

 

 

Oggetto: Aumenti biennali docenti di Religione

 

A seguito degli approfondimenti effettuati in merito all’oggetto, si comunica che questa Direzione ha programmato, sulla mensilità di maggio 2010, le necessarie implementazioni alle procedure SPTWEB per il calcolo degli aumenti biennali spettanti agli insegnanti di religione (cod. qual. KR05-KR07-KR08-KRR5-KRR7-KRR8) anche sulla voce IIS (codice assegno 750) a decorrere dal 1 gennaio 2003, data del conglobamento dell’IIS.

Tali implementazioni prevedono la variazione della gestione della voce IIS per i docenti di religione consentendo l’attribuzione all’assegno 750 del numero di scatti spettanti al dipendente in analogia a quanto avviene per la voce stipendio.

            Per i docenti di religione interessati, su rata maggio 2010 verrà effettuata una lavorazione da Centro per l’attribuzione, a decorrere dal 1 maggio 2010, sulla voce IIS, assegno 750, dello stesso numero di scatti in godimento sulla voce stipendio.

            Si ritiene opportuno non provvedere a tale regolarizzazione da Centro a decorrere dal 1 gennaio 2003, data del conglobamento dell’IIS, per evitare eventuali pagamenti di arretrati non dovuti, considerato che in molti casi codeste Direzioni hanno provveduto al pagamento dell’importo degli scatti calcolati sulla voce IIS tramite l’attribuzione di un assegno ad personam.

            Sarà pertanto cura di codeste Direzioni provvedere a regolarizzare il personale interessato revocando, sempre a decorrere dal 1 maggio 2010, tali assegni ad personam .

            A tal fine con successivo messaggio di posta elettronica dalla casella Uff5DCSII.DAG@tesoro.it verrà inviato l’elenco del personale docente di religione con scatti biennali in godimento dal 1 gennaio 2003.

            Si assicura che della lavorazione in oggetto è stata data preventiva comunicazione alla Ragioneria Generale dello Stato – Ispettorato Generale per gli Ordinamenti del Personale ed al Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale per il Personale.

 

 

Il DIRIGENTE

Roberta LOTTI

 

 

 

 



Fa' leggere questa pagina a un tuo amico

 

Google

TORNA SU

 

Altre notizie

Old news

Scrivi al sito

 

Su www.vincenzobrancatisano.it