Siamo a un passo dalla rivolta sociale

 







(Foto vi.brancatisano, 2008)

Di Vincenzo Brancatisano

 

9 gennaio 2009 -  Gli italiani non sono ancora sufficientemente informati di quello che sta per capitare all’economia di questo paese nei prossimi tempi. I prossimi tempi per molte famiglie sono già i tempi attuali: questi giorni, queste ore. Pochi italiani sanno, solo per fare un esempio, che la mitica IRIS Ceramica di Sassuolo ha chiuso i battenti lasciando sul lastrico, per ora, 780 dipendenti e le proprie famiglie. Qualcuno dei nostri lettori sapeva forse di questo fatto sconcertante e doloroso? Se non hanno letto i quotidiani locali, difficilmente si può pensare che a Roma o a Palermo, a Milano o a Chieti si sappia che il leader mondiale nella produzione delle piastrelle ha dichiarato lo stato di liquidazione. Questa testata segue da diversi mesi l’andamento economico dell’economia emiliana, la locomotiva del treno Italia. Possiamo affermare con preoccupazione ma con sufficiente sicurezza, che entro poche settimane, stando alle informazioni che abbiamo raccolto, almeno il 70 per cento delle industrie ceramiche del comprensorio Sassuolo-Fiorano-Rubiera lascerà a casa i propri lavoratori. Sapevamo da tempo quello che sarebbe successo all’Iris e siamo davvero stupiti che solo oggi i sindacati si dicano sorpresi dal “fulmine a ciel sereno”, dal “terremoto” che ha colpito la serenità dei lavoratori e dei cittadini. Nei prossimi giorni l’effetto emulativo dell’Iris sarà evidente. Sono tante le aziende che hanno i magazzini pieni poiché negli ultimi tempi hanno solo fatto magazzino. L’edilizia è ferma da tempo, le piastrelle non vengono assorbite neppure da chi non riesce più a ristrutturare il proprio bagno. Notizie gravissime vengono relegate nelle pagine locali, così chi vive a Trento sa dei licenziamenti trentini, ma non di quelli lucani, apprendibili solo da chi legge i quotidiani della Basilicata e così via dicendo. Sempre per rimanere sulla locomotiva Emilia, sapevate che centoventi lavoratori della Maserati sono stati licenziati nei giorni scorsi? Qualcuno azzarda l’ipotesi che saranno milioni i lavoratori licenziati in Italia entro l’anno appena iniziato. Certo, se questo è l’incipit, non c’è da stare tranquilli. L’effetto a catena che si produce durante la recessione è facile da intuire: famiglie senza stipendio smettono di comprare e producono guai ai negozi sotto casa, alle concessionarie auto, al mercato edile e a quello turistico e via dicendo, mercati costretti a propria volta a espellere lavoratori in esubero che a loro volta smetteranno di consumare. La colpa di quello che sta succedendo non è tutta di tutti i commercianti, c'entra ovviamente la crisi mondiale. Ma è soprattutto - sarebbe ipocrita nasconderlo - dei commercianti e degli esercenti questo o quel mestiere autonomo, che hanno approfittato dell’euro per raddoppiare e triplicare i prezzi e le tariffe, pur di fronte a salari fermi. Sono questi signori ad aver rotto la pace sociale firmata a seguito dell’abolizione della scala mobile, quando i lavoratori si impegnarono a non chiedere aumenti salariali a patto che i prezzi rimanessero entro aumenti esigui (2 per cento l’anno: inflazione programmata). Se non ci fosse stato l’euro, quanti fruttivendoli avrebbero avuto il coraggio di esporre le loro arance a 7.000 lire al kilogrammo? Sarebbero stati pochi, sconsiderati e sarebbero stati isolati. Eppure, le arance a 3,5 euro al kilo sembrano, per questi signori, quasi regalate. E il pane? Quanti fornai o supermercati avrebbero esposto il pane al prezzo di 8 o 10mila lire il kilo? Eppure il pane costa anche 6 euro il kilo e nessuno si vergogna. Nè servirebbe prendersela con l'euro: se un conducente travolge un passante sulle strisce pedonali sarebbe assurdo prendersela con l'automobile. Quanto può durare in queste condizioni la pace sociale? Semplice - lo abbiamo già denunciato nel 2006:  fino a quando dureranno i risparmi delle famiglie che in questi anni invece di protestare hanno dato fondo alle riserve e si sono pure indebitate per arrivare alla fine del mese, assopendosi nel frattempo al ritmo di centovetrine-postialsole-uominiedonne, di calcio in chiaro e calcio in scuro e di altri narcotici sociali ben studiati. I soldi ora sembrano finalmente finiti, almeno per i più. In negozio ci entrano in pochi. Molti chiuderanno, hanno già chiuso molti bar. Questi signori ora piangono miseria e se la prendono con la gente che non compra. Che se la comprino loro la loro merce, sempre che gli siano rimasti dei soldi dopo che hanno investito rovinosamente in borsa quanto sottratto alle altre classi sociali. Se invece hanno comprato appartamenti, li vendano pure, anzi li svendano se vogliono salvare il proprio negozio o la propria azienda e ci risparmino la pena di sentirli piangere in televisione mentre chiedono aiuti allo Stato. Lo Stato non ha più soldi, non li ha neppure per pagare le pensioni, tra qualche anno, vista l’ingente mole di quattrini che dovrà sborsare (al netto degli 80 miliardi di euro!!! annuali per interessi da debito pubblico) a causa dell’impennata di costi da sostenere per garantire le moltitudini di casse integrazioni e gli altri ammortizzatori sociali che si annuncia di estendere a Cococò e schiavi vari, e con essi l’ordine pubblico. Ma non è del tutto sicuro che nei prossimi mesi si sarà in grado di garantire l’ordine pubblico, la gente che perde il lavoro ha spesso dei bambini da sfamare… Intanto si continui pure a parlare del maltempo, del sale che manca nelle strade, innevate come se fosse inverno, della separazione delle carriere dei magistrati e della Striscia di Gaza, come se fosse una novità quanto sta accadendo in Medio Oriente.      



 

9 gennaio 1950 – Modena -  La polizia di Scelba spara contro i lavoratori che scioperano per ottenere la riapertura delle fonderie chiuse da quelli che un tempo si chiamavano padroni. Muoiono 6 lavoratori poco più che ventenni: Angelo Appiani, Renzo Bersani, Arturo Chiappelli, Ennio Garagnani, Arturo Malagoli, Roberto Rovatti.

 

 



Fa' leggere questa pagina a un tuo amico

 

Google

TORNA SU

 

Altre notizie

Old news

Scrivi al sito

 

Su www.vincenzobrancatisano.it