Assunzioni in forse secondo i sindacati della scuola

I precari ‘interrogano’ la Bastico 



 

Di Vincenzo Brancatisano

 

8 MARZO 2008 – Forti preoccupazioni dal fronte del precariato scolastico. Alcune associazioni molto agguerrite scrivono una lettera aperta alla viceministro della Pubblica Istruzione, la modenese Mariangela Bastico, dopo che i sindacati hanno paventato il pericolo di un forte ridimensionamento delle immissioni in ruolo previste nel piano triennale dal governo Prodi. Le associazioni Cipna, Forum PrecariSalerno, Forum Precariscuola, Orgoglio Precario e il Blog PrecariaMente scrivono che sul sito della Bastico si può leggere che «abbiamo compiuto, anche presso il Ministero dell’Economia, tutti i passi necessari a garantire la seconda tranche di immissioni in ruolo, nelle dimensioni previste nella Legge Finanziaria 2007: 50 mila docenti, 10 mila Ata e tutti i posti vacanti di dirigenti scolastici». Secondo fonti sindacali, invece, ribattono i precari, «la causa del minore numero di immissioni in ruolo rispetto alle 50.000 previste dalla Finanziaria è da attribuire ai tagli agli organici effettuati dal governo Prodi». Da qui due domande alla Bastico: «Lei milita nel Partito Democratico che parla di rinnovamento della politica, di trasparenza nel rapporto tra politici e cittadini, di un’Italia nuova, moderna e giusta. In nome di questi principi i docenti precari le chiedono: 1) Quando verrà firmato il decreto sulle immissioni in ruolo? 2) Quali numeri conterrà tale decreto?». [L’articolo di Brancatisano è pubblicato sulla Gazzetta di Modena, dell’8 marzo 2008]

 

 



Fa' leggere questa pagina a un tuo amico

 

Google

TORNA SU

 

Altre notizie

Old news

Scrivi al sito

 

Su www.vincenzobrancatisano.it