Niente sciopero, è domenica



 

Di Vincenzo Brancatisano

 

13 Dicembre 2006 – “Le Segreterie nazionali di CGIL, CISL e UIL, ritengono opportuno annullare la manifestazione del 17 dicembre e concentrare e rafforzare le iniziative in coincidenza dello sciopero già proclamato per il giorno 14 p.v., che è confermato”. Il comunicato, di due righe, diffuso dalla Cisl di Ragusa, sta creando malumore tra i lavoratori della scuola, che già avevano mal digerito la mancata adesione dei confederali allo sciopero generale indetto da Gilda, Snals e Cobas nei giorni scorsi. Lavoratori che poi non hanno capito come una manifestazione nazionale dovesse essere indetta in un giorno festivo, per giunta fissato dopo le elezioni per le Rsu. Resta l’oretta di sciopero organizzata per domattina.

 

 

News

Sta registrando un grande successo in rete Oliviero Diliberto per i suoi interventi a difesa dei precari, sotto un incredibile attacco in questi giorni, e sulla lotta di classe nel corso della trasmissione Ballarò di ieri sera.

 

Aumenta l’ansia tra i tanti precari che attendono novità dal Senato sull’approvazione dell’emendamento redatto dal Governo e che punta a eliminare la norma ammazzagraduatorie che lo stesso Governo aveva fatto approvare alla Camera nei giorni scorsi inducendo proteste e indignazione e una forte azione politica da parte di Franco Giordano e Pietro Folena (Rifondazione Comunista) che hanno costretto maggioranza ed esecutivo a correggere il tiro. Impossibile però fare una previsione credibile su quanto accadrà nelle prossime ore, visti gli interessi in campo. Si nutrono anche dubbi seri circa l’interpretazione che sarà data all’emendamento una volta divenuto legge.

 

Cresce l’attesa per la sentenza della Corte Costituzionale sul punteggio di montagna che sta per essere depositata.  

 

 

Parole in libertà contro i precari

 

Altri articoli

 

Su www.vincenzobrancatisano.it