Gelmini in diretta alla Festa dell’Unità



 

Di Vincenzo Brancatisano

 

28 AGOSTO 2008 – ULTIM'ORA: SLITTA AL 22 SETTEMBRE 2008 L'INCONTRO CON LA GELMINI PREVISTO PER IL 30 AGOSTO

20 AGOSTO 2008 – La neoministra all’Istruzione, Mariastella Gelmini, sarà protagonista il 30 agosto di un pubblico dibattito a Modena, alla Festa provinciale dell’Unità. Pardon: alla prima Festa del Partito Democratico. Con lei sul palco l’assessore regionale emiliano romagnola all’Istruzione, Paola Manzini, e la deputata di Carpi, on. Manuela Ghizzoni, entrambe del Pd. Sarà possibile seguire la diretta: clicca qui.

 

 

 




Docenti del sud meno preparati
Docenti del sud meno preparati

Docenti del sud meno preparati? Non giudicare senza conoscere

 

Ecco il video con la frase incriminata del ministro Gelmini al convegno di Cortina

 

Clicca qui e vai al minuto 28 in poi

 

Condividiamo il commento della professoressa siciliana Silvana La Porta:

[…] «Poi – spiega sul sito www.aetnanet.org – sono andata al punto incriminato. Siamo circa a 30 minuti dall’inizio della trasmissione quando, a un’imbeccata di Della Loggia riguardo all’indiscutibile arretratezza dell’Università e della scuola al sud, la Gelmini dice testualmente: “Indubbiamente è un dato oggettivo il livello scadente della scuola nelle regioni del Sud. Non a caso noi quest’anno, in vista dei prossimi test OCSE Pisa 2009, andremo a fare dei corsi intensivi agli insegnanti in Sicilia, in Puglia, in Calabria e in Basilicata. Questo perché siamo perfettamente consapevoli che nella media le regioni del sud ci portano a uno scadimento del livello qualitativo della nostra scuola.” Ora, ditemi un po’: dov’è che la Gelmini parla dell’ignoranza dei docenti meridionali? Solo chi ascolta in malafede può ricavare questo. Chi invece legge con occhi sgombri da pregiudizi capisce che il ministro voleva dire che, vista la condizione di oggettiva difficoltà nella quale operano i docenti nel Meridione, in vista delle prove OCSE PISA, sarebbe il caso di rivolgere l’attenzione ai poveri professori del sud, che si trovano a lavorare in ambienti deprivati e difficili. Ma solo per metterli in grado di condurre gli alunni ad affrontarle nel miglior modo possibile. Non per migliorare la conoscenza delle loro stesse discipline o pe rimputare a loro la disastrosa condizione della scuola in Sicilia o in Basilicata. Questo la Gelmini non l’ha mai detto né affermato. Non la facciamo così cretina.  Punto e basta. Solo la malafede dei giornalisti, ansiosi come sempre di fare ghiotti scoop a discapito del buon nome della scuola, e di certa cieca opposizione poteva creare lo scandalo di questi giorni. Ecco in quale nazione viviamo. In un paese in cui, invece di pensare ai reali problemi dell’istruzione, si parla per giorni e giorni di una stupidata. Senza alcun amore per la verità».

 



Fa' leggere questa pagina a un tuo amico

 

Google

TORNA SU

 

Altre notizie

Old news

Scrivi al sito

 

Su www.vincenzobrancatisano.it