Solo a scuola lo straordinario è pagato meno e non di più

Ore eccedenti, vittoria della Gilda

Ma il Tribunale del Lavoro interviene e dice no al sopruso




 

Di Vincenzo Brancatisano

 

2 settembre 2006 – Docenti, è illegale il pagamento parziale delle ore eccedenti. E ora 35 insegnanti bolognesi saranno rimborsati, con un importo complessivo di circa € 70.000,  a seguito dell’accoglimento delle ingiunzioni di pagamento che la Gilda degli Insegnanti ha presentato al Ministero della pubblica istruzione in merito al recupero della Indennità Integrativa Speciale. Quest’ultima, pur essendo dal 1 gennaio 2003 una componente fondamentale del trattamento economico degli insegnanti, continua a non essere corrisposta ai docenti che svolgono orario cattedra superiore alle 18 ore. La Gilda degli Insegnanti ha assistito gratuitamente tutti i docenti interessati al recupero della indennità dando mandato al proprio legale Claudio Moscati, di procedere al recupero delle cifre non corrisposte tramite ingiunzione di pagamento presso il Tribunale del lavoro. I giudici ordinari hanno accolto tutte le istanze avanzate dalla Gilda degli Insegnanti condannando il Mip al pagamento immediato delle somme non corrisposte restituendo così ai docenti quanto loro dovuto. La Gilda di Bologna ha fatto sapere di aver dato mandato al proprio studio legale di predisporre le pratiche per avviare le nuove richieste di risarcimento degli aventi diritto. In alto mare invece la tutela dei docenti che vantano analoghi diritti in epoca antecedente al 2003, a riprova della schizofrenia della legislazione sul lavoro scolastico, perennemente in balìa alla creatività del primo che accende il pc in viale Trastevere. Ecco cosa scrive il ministero clicca a difesa delle proprie posizioni.

 

 

Su www.vincenzobrancatisano.it

 

   

 

 

 



Fa' leggere questa pagina a un tuo amico

Vuoi sostenere il sito? Consulta i consigli per gli acquisti

con un clic sul banner qui sotto

Grazie!

 

Google

TORNA SU

 

Altre notizie

Old news

Scrivi al sito

 

Su www.vincenzobrancatisano.it