Consenso disinformato



 

Di Vincenzo Brancatisano

 

15 NOVEMBRE 2006 – “Superamento delle graduatorie permanenti”, e “avvio di una nuova fase per il reclutamento dei docenti”. Non lascia spazio a dubbi il ministro dell’Istruzione, il medico Giuseppe Fioroni, che dà il “via a una nuova iniziativa di comunicazione, un filo diretto, una Lettera indirizzata a tutti coloro che vivono la scuola ogni giorno, e a quanti si interessano ai temi dell’istruzione e della formazione”. Dopo aver ammannito via web la carota ammettendo che le assunzioni dei precari produrranno un risparmio e non un aggravio di spesa e dopo aver confessato pubblicamente che nelle scuole si sta perpetrando da tempo un’ingiustizia sociale (confessione che potrebbe essere utilizzata nei processi diretti a far condannare lo Stato per abuso di contratti a termine) ai danni di chi fa andare avanti la scuola (parole sue), il Ministro brandisce il bastone. Precisa infatti che va bene assumere 150.000 docenti ma, aggiunge, “il nostro sforzo sarebbe inutile se non bloccassimo il meccanismo che, come una moderna condanna di Sisifo, continua a generare precariato”. Ciò “sarà possibile con il progressivo superamento delle graduatorie permanenti, e con l’avvio di una nuova fase per il reclutamento dei docenti”. Il (medico) Fioroni avrebbe dovuto essere più trasparente in merito a questo nuovo sistema di reclutamento altrimenti il paziente (precario), che da mesi chiede notizie sugli effetti collaterali dell’intervento chirurgico che sta per subire, potrebbe rendersi conto ben presto di aver regalato un consenso assai poco informato.

 

 

 

Testo della Lettera del Ministro alla Pubblica Istruzione, Giuseppe Fioroni

 

 

Cari lettori, fin dall’inizio del mio lavoro, cinque mesi fa, ho chiarito che non avrei legato il mio nome all’ennesima riforma “epocale” della scuola. Avevo due priorità assolute: precariato ed edilizia scolastica. Queste due stesse parole d’ordine ho avuto come guida anche nella preparazione della Finanziaria, un manovra che deve risanare una situazione disastrosa ma che deve dare finalmente soluzione a problemi drammatici non più rinviabili. E che non taglia.

In questi giorni abbiamo assistito ad una gara a chi la sparava più grossa sulla scuola e sui tagli. La Finanziaria intende invece agire sull’equità e sull’eliminazione della piaga del precariato. Siamo chiamati a risanare conti pubblici lasciati in dissesto e la scuola farà la sua parte, senza tirarsi indietro. Ma lo faremo colpendo gli sprechi, eliminando inefficienze, doppioni e qualche furbizia di troppo.

È prevista infatti l’assunzione di 150.000 docenti e 20.000 tra tecnici e amministrativi, che dopo anni di attese, promesse e sacrifici, otterranno la certezza di un’occupazione stabile. La scuola ha solo bisogno di più certezze e tranquillità per operare al meglio. E questo è il mio obiettivo.

Con la regolarizzazione non solo rimedieremo a un’ingiustizia nei confronti del lavoro intellettuale, ma avremo anche un risparmio per l’amministrazione, dato che i precari già oggi sono retribuiti ed è grazie a loro che la scuola va avanti.

Ma il nostro sforzo sarebbe inutile se non bloccassimo il meccanismo che, come una moderna condanna di Sisifo, continua a generare precariato. Ciò sarà possibile con il progressivo superamento delle graduatorie permanenti, e con l’avvio di una nuova fase per il reclutamento dei docenti.

 

 

Quegli strani emendamenti in difesa delle graduatorie

 

Corte Costituzionale. Novità sul superpunteggio della montagna

 

Altri articoli

 

 

Su www.vincenzobrancatisano.it