Ma il doppio punteggio di montagna non va più inserito nelle Gae

Docenti precari, non ci sarà revisione dei punti

Lo ha appena deciso il Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione



 

Di Vincenzo Brancatisano

 

14 FEBBRAIO 2007 – Graduatorie ad esaurimento, non ci sarà nessuna revisione del punteggio già attribuito nella redazione delle graduatorie per il biennio 2005-2007. Lo ha stabilito il Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione che nell’adunanza di ieri ha espresso un parere  (vedi testo pubblicato sotto) in merito alla revisione della tabella di valutazione dei titoli per l’integrazione e l’aggiornamento delle graduatorie. Il CNPI tuttavia fa un’eccezione per il doppio punteggio di montagna che dovrà tenere conto della sentenza della Corte Costituzionale che, come abbiamo anticipato, ha dichiarato l’illegittimità della norma, da intendersi – sul punto – con efficacia retroattiva fin dall’anno scolastico 2003-2004. Il CNPI, come si legge nel testo, puntualizza il proprio parere anche in merito ad altri temi sui quali s’erano aperti dei conflitti.


............\ | /
.........(@ @)
---o00-(_)-00o----
..............................

Ecco la bozza della nuova Tabella di valutazione dei titoli (da Gilda)


 

 

 

-----------------------

 

 

Ministero della Pubblica Istruzione

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti scolastici - Ufficio IX

Segreteria del Consiglio Nazionale della P.I.

 

 

Prot. n. 1315 Roma, 13 febbraio 2007

 

All’On.le Ministro

S E D E

 

 

Oggetto: Parere su “Revisione della tabella di valutazione dei titoli per

l’integrazione e l’aggiornamento delle graduatorie permanenti, oggi

denominate graduatorie ad esaurimento”

Adunanza del 13 febbraio 2007

 

 

IL CONSIGLIO NAZIONALE DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

Vista la nota prot. n. A00DGPER. 2167 del 8.2.2007 (D.G. per il personale

della scuola – Ufficio III) con la quale il Ministro della P.I. ha chiesto il

parere del C.N.P.I. in merito all’argomento in oggetto;

Visti Gli artt. 24 e 25 del D.L.vo n. 297 del 16.4.1994;

Vista la relazione della Commissione consiliare, appositamente costituita per

l’esame istruttorio, ed incaricata di riferire al Consiglio in ordine

all’argomento in oggetto specificato;

dopo ampio ed approfondito dibattito;

 

E S P R I M E

 

il proprio parere nei seguenti termini:

 

In premessa il CNPI valuta positivamente la scelta dell’Amministrazione di

stabilizzare i punteggi acquisiti per i titoli “già riconosciuti e valutati nel precedente

aggiornamento relativo al biennio 2005/2007” per i quali “non si procederà ad alcuna

revisione del punteggio attribuito, salvo la doppia valutazione del servizio nelle scuole

di montagna”, secondo la recente sentenza della Corte Costituzionale. Tale valutazione

positiva scaturisce dalla necessità di non alterare equilibri già esistenti e consolidati

nelle attuali graduatorie permanenti, denominate, oggi, graduatorie ad esaurimento.

Nel merito della tabella di valutazione dei titoli, proposta nell’Allegato 2 per il

personale di terza fascia delle citate graduatorie, il CNPI avanza le seguenti

osservazioni e richieste di modifica e/o integrazione:

per la parte A della tabella (titoli di accesso alla graduatoria) si rileva la necessità:

• al punto A2, lettera f, di esplicitare integralmente tutte le sessioni riservate di

abilitazione, al fine di evitare ogni incertezza interpretativa per gli aspiranti e

per l’Amministrazione periferica; ad esempio si potrebbe utilizzare la dizione:

“di cui alla legge 124/99 e successive modificazioni e integrazioni”;

• al punto A4, ultimo comma, dopo le parole “nella scuola primaria” aggiungere “e

dell’infanzia” e, alla fine, inserire la seguente nota 3 bis: “coloro che sono in

possesso di precedenti titoli di accesso a posti di insegnamento per la scuola

primaria e dell’infanzia possono utilizzare a loro scelta – ferma restando la

valutazione di cui al punto A1 – quella più favorevole tra l’attribuzione di punti

30, con esclusione del punteggio per l’eventuale servizio prestato durante la

durata legale del corso di laurea e la valutazione del precedente titolo con

l’aggiunta degli eventuali servizi prestati, nonché dei 6 punti previsti al punto

C9”, di cui è proposta l’integrazione con successivo emendamento.

Per la parte B (servizio di insegnamento o di educatore), si propone:

• al punto B2 la soppressione di “ovvero nelle scuole non paritarie, di cui alla legge

n. 27 del 3 febbraio 2006”, in quanto le scuole “non paritarie” di cui alla legge

27/2006 devono risultare incluse in un apposito elenco attualmente non

esistente e, comunque, il servizio prestato in tali istituzioni scolastiche non può

essere oggetto di valutazione retroattiva.

Con l’occasione il CNPI non ritiene congrua l’eventuale attribuzione in futuro di

un punteggio pari a quello delle ex scuole legalmente riconosciute per le quali

l’ordinamento prevedeva maggiori vincoli.

Tale richiesta è, inoltre, motivata dalla convinzione che nella fattispecie “scuole

non paritarie” possano collocarsi variegate attività formative non riferibili

propriamente all’attività scolastica;

• al punto B3, lettera b, integrare la dicitura “se prestato con il possesso del

prescritto titolo di accesso” con “per la classe di concorso, area disciplinare o

posto”. Ciò al fine di evitare la possibile erronea interpretazione che il titolo di

accesso sia riferito al possesso del titolo di specializzazione per il sostegno.

Per la parte C (altri titoli), si propone:

• al punto C5, relativamente ai “diplomi di specializzazione equiparati per legge o

per statuto”, di inserire in un’apposita nota l’elenco ricognitivo di tali titoli e dei

soggetti legittimati al loro rilascio;

• di fissare un tetto massimo alla valutazione complessiva dei titoli previsti ai

punti C6, C7 e C8, pari a punti 10, fermi restando i vincoli numerici alla

valutabilità dei titoli previsti, rispettivamente, nei già citati punti C6, C7 e C8

della Tabella predisposta dall’Amministrazione. Tale limite non opera

retroattivamente rispetto alla somma dei corrispondenti punteggi

precedentemente attribuiti, se più favorevoli;

• al punto C9, di aggiungere dopo le parole: “personale educativo”, le seguenti:

“della scuola primaria e dell’infanzia”, integrando dopo le parole: “indirizzo per

la scuola elementare” con “e dell’infanzia”. Tale richiesta è relativa, ovviamente,

al caso in cui la laurea in scienze della formazione primaria non sia utilizzata

quale titolo di accesso, valutato ai sensi dei punti A1 e A4 della Tabella.

Subordinatamente all’accoglimento delle modifiche richieste, il CNPI esprime

parere favorevole.

 

Il Segretario Il Vice Presidente

Maria Rosario Cocca Mario Guglietti

 

 

 

Scrivi al sito

 

Altre notizie

 

Su www.vincenzobrancatisano.it